Profumi, sapori e paesaggi: il mio Trentino Alto Adige

Da bambina i miei genitori mi portavano in Cadore e in Val Gardena. Sono cresciuta conoscendo quella terra, il profumo di cannella nell’aria, i suoi rifugi, la tranquillità e l’accoglienza della gente locale, le cime innevate e le vallate più verdi.

Ho nel cuore il Trentino Alto Adige in tutte le sue sfaccettature. I mercatini di Natale di Ortisei, la strada dei vigneti tra Trento e Bolzano, lo Strudel e lo speck, i canederli, il Gewurztraminer, le mele e i frutti di bosco. Le malghe e i rifugi dopo km di camminate in salita. Aperitivo con speck, pane, formaggi e vino. Merano, lo sciliar, il Cristallo, le Tre Cime di Lavaredo. I laghi, da Braies a Caldaro, da Carezza a Resia. I castelli. I colori nitidi.

I masi di montagna che mi affascinano e passerei una vacanza intera a vivere la loro quotidianità. Staccare totalmente e stare in mezzo al verde, quiete attorno e i ritmi sani. Rallentare e riprendere fiato.

WHAT TO LOVE

Gastronomia

È senza dubbio il posto ideale per una scorpacciata di canederli, per i risotti di zucca, le zuppe, lo stinco di maiale, il filetto di cervo ai frutti di bosco, lo strudel, gli gnocchi con burro e cannella. Una posizione centrale la occupa il vino bianco, non dimentichiamo che è terra del Gewurztraminer e dei vini fermi profumatissimi. Ma non solo, Ferrari Trento ha reso famose le bollicine.

Stube

Stube (o Stua) è il termine per indicare la stanza principale (il nostro salotto per capirci) dell’abitazione nelle valli ladine e in tutto il Tirolo. Interamente rivestita in legno, deve il suo nome alla grande stufa in calce di cui è dotata, che la rende l’unico ambiente riscaldato della casa. Oggi le stube sono caratteristici ristoranti dove mangiare piatti tipici e immergersi nell’atmosfera del luogo.

Artigianato

Un altro ricordo che ho dell’infanzia sono i prodotti dell’artigianato locale altoatesino. Nelle famiglie dei masi, un tempo, si intagliava il legno, si imparava a ricamare e a lavorare la maglia e i tessuti. Oggi girare per i negozietti dei paesi e scovare tovaglie, accessori per la casa e maglieria è più che un divertimento!

La strada del Vino (Weinstrasse)

Tra Trento e Bolzano si trova una delle parti che preferisco della regione. Se vi trovate in autostrada da Trento e Bolzano fate una sosta lungo la strada del vino. Andate verso Termeno e risalite fino a Bolzano, passando per il lago di Caldaro, Cornaiano, San Michele Appiano. Proprio lungo quella strada potrete perdervi tra meravigliosi vigneti perché lì hanno sede le più note aziende di vini bianchi dell’Alto Adige: Hofstatter, Tramin, Haderburg, Kettmeier.

Ortisei

Cuore della Val Gardena, per me Ortisei è il ricordo dell’infanzia quando i miei genitori mi portavano a fare le passeggiate in montagna. La vista sul paese che si ha arrivando da Castelrotto è impagabile. Rinomata per le sculture in legno e per i mercatini di Natale.

Prato Piazza
Prato Piazza

Prato Piazza

Siamo vicino al Lago di Braies, di fronte al Monte Cristallo. Prato Piazza si trova a 2000 metri d’altezza nel Parco Naturale Fanes-Senes-Braies e fa parte del Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO delle Dolomiti. Lo amo per il suo silenzio assordante, per il meraviglioso paesaggio e per i tramonti mozzafiato. Per raggiungere Prato Piazza è necessario arrivare fino a Ponticello con l’auto e poi con il transfer si sale su in alto al rifugio. Se potete andateci poco prima del tramonto. Vi emozionerà.

Prato Piazza
Prato Piazza
Passo Gardena
Passo Gardena
Lago di Braies
Lago di Braies

 

Passo Gardena

Se siete alla ricerca di panorami mozzafiato e scorci unici quello che vi consiglio è di percorrere la strada che collega la Val Gardena e la Val Badia, tra Selva e Corvara. Tra infinite curve strette si sale in alto per poi riaccendere verso il paese di Corvara. Si costeggiano prati verdi che d’inverno si trasformano in piste da scii. Fermatevi dove potete e fate due passi per respirare l’aria pulita e godervi il panorama.

Lago di Braies

A ragione è diventato il lago più conosciuto (e fotografato!) dell’Alto Adige, bellissimo d’estate e magico d’inverno quando si ghiaccia e diventa una enorme pista di pattinaggio sul ghiaccio! La temperatura d’inverno raggiunge svariati gradi sotto lo zero quindi andateci equipaggiati! In autunno i suoi colori sono incantevoli, forse la stagione dove il lago assume l’aspetto più romantico.

Corvara
Corvara
Fiè allo Sciliar
Fiè allo Sciliar

Fiè allo Sciliar

Siamo nell’Alpe di Siusi, ai piedi dello Sciliar, dove regnano pace e tranquillità. E dove trovate un panorama incantevole. Località nota per il laghetto balneabile e per la gastronomia ma se vi spingete un po’ fuori scoprirete anche dei paesaggi incredibili. Il tutto sempre di fronte all’imponente presenza del massiccio dello Sciliar.

Castelrotto

Mi sono fermata per caso in questo paesino durante le vacanze di Natale a Gennaio e me ne sono innamorata per i paesaggi e per la bellezza delle case tipiche. Lungo la strada che collega Fiè a Ortisei trovate una perla da cui si gode di un’ottima vista.

Fiè allo Sciliar
Fiè allo Sciliar
Fiè allo Sciliar
Fiè allo Sciliar
Fiè allo Sciliar
Fiè allo Sciliar
Fiè allo Sciliar
Fiè allo Sciliar
Villa Margon
Villa Margon

Villa Margon 

Edificata nel 1500, un tempo era una signorile residenza estiva mentre oggi è aperta per visite.

Si trova a Ravina, in provincia di Trento vicino alla Locanda Margon, ristorante a due stelle della famiglia Lunelli.

Se gli interni sono un capolavoro rimasto intatto nel tempo, non è da meno il contesto naturalistico in cui è inserito.

Villa Margon
Villa Margon

WHAT TO EAT

Speckstube Eggerhof

L’Eggerhof è un maso abitato da fin da tempi antichi, ricco di tradizioni grazie alle sue radici storiche. Lo trovate sulla strada che porta a Braies. Tranquillità e accoglienza nei pressi del lago.

Speckstube Eggerhof
Speckstube Eggerhof
Costamula
Costamula

Costamula 

Lungo la pista sopra Ortisei trovate il noto ristorante Costamula. Una stube perfetta per rifocillarsi durante una giornata di sci. Potrete scegliere tra piatti di cucina locali rivisitati in chiave gourmet come lo stinco con patate, i canederli alla barbabietola “glassati”, su salsa al blu di Moncenisio e insalatina di cavolo cappuccio al cumino oppure l’uovo morbido marinato alla barbabietola, su purea di cavolfiore al latte di mandorle e spuma di rafano

Si arriva comodamente inmacchina, con la cabinovia del Seceda o sciando.

Costamula
Costamula
Costamula
Costamula
Stua Catores
Stua Catores

Stua Catores 

Un albergo a conduzione familiare con ristorante dove provare le specialità altoatesine in un’atmosfera tipica.

Sarà difficile scegliere tra ravioli ripieni di ricotta e spinaci o ai funghi e i tipici Käsenocken al formaggio, lo stinco di maiale, il semifreddo al mirtillo rosso….

Stua Catores
Stua Catores
Plitschlmann
Plitschlmann

Plitschlmann

Una delle scoperte di cui vado più fiera. Mi piace tantissimo passare il tempo a leggere online recensioni e scoprire posticini in linea con i miei gusti.

Quando sono arrivata da Plitschlmann ho proprio pensato “Era esattamente quello che stavo cercando”.

Il maso Pitschlmann è situato in una zona particolarmente tranquilla e idillica sotto la collina Peterbuehel, a Fiè allo Sciliar, nell’Alpe di Siusi.

Attorno solo boschi, laghi e montagne.

Uno dei tipi di vacanza che amo: entrare a contatto con la natura, scoprire come si lavora in un maso, imparare a fare il pane, lavorare nei vigneti, aiutare nella raccolta e lavorazione della frutta. Il ristorante è uno dei più buoni che ho provato in Alto Adige in fatto di piatti tipici e ingredienti genuini. Un risotto alla zucca e maialino da latte che non riesco a spiegare a parole quanto era squisito. Lo strudel di mele me lo sogno ancora.

Andateci. Merita davvero!

Plitschlmann
Plitschlmann
Plitschlmann
Plitschlmann
 Ristorante Clesio Trento
Ristorante Clesio Trento

 

Ristorante Clesio

In posizione centrale a Trento, all’interno del Grand Hotel, trovate il ristorante Clesio (dal nome di un cardinale quattrocentesco). Cucina tradizionale trentina rivisitata e mescolata a piatti della tradizione italiana. Dal filetto di cervo con frutti di bosco e miele d’acacia al risotto agli asparagi mantecato al Trentingrana con guanciale croccante. Degne di nota le mezzelune di patate ripiene al Puzzone di Moena con porcini saltati al burro, speck e salvia.  Fatevi consigliare gli abbinamenti con il vino, non ne resterete delusi.

 Ristorante Clesio Trento
Ristorante Clesio Trento
Locanda Margon
Locanda Margon

Locanda Margon

Appena fuori Trento, adagiato su una collina che domina la città si trova il ristorante due stelle Michelin Locanda Margon, di proprietà della famiglia Lunelli.

L’obiettivo era creare un luogo di eccellenza e di sperimentazione per innovativi abbinamenti con le bollicine.

Due le proposte: il Salotto Gourmet, per gli appassionati della cucina d’autore, e la Veranda, per chi non vuole rinunciare alla qualità anche in una cucina più semplice e veloce. Dal baccalà, crema di porri e patate, zuppetta allo Chardonnay fino al risotto mantecato con erborinato di capra e Ferrari Perlé Rosé.

Locanda Margon
Locanda Margon
Ferrari Trento
Ferrari Trento

WHAT TO DRINK

Ferrari Trento
Ferrari Trento

Cantine Ferrari Trento

Villa Margon, Brut, Perlè, Rosè, Perlè Bianco, Perlè Nero, Riserva Lunelli, Giulio Ferrari. Questi sono alcuni dei vini delle cantine Ferrari.

Ferrari nasce da un uomo, Giulio Ferrari, e dal suo sogno di creare in Trentino un vino capace di confrontarsi con i migliori Champagne francesi. È grazie all’intuizione di Giulio Ferrari se questi luoghi sono oggi il più grande vigneto italiano di Chardonnay.  

Non avendo eredi affida l’azienda a Bruno Lunelli, proprietario di un’enoteca di Trento. È infatti oggi la famiglia Lunelli a portare avanti con amore e passione il nome di Giulio Ferrari. Senza scendere a compromessi con la qualità. In questi vigneti di montagna, mantenuti e curati come giardini, ciascun filare è espressione del profondo rispetto per la natura e del contatto continuo dell’uomo con la terra. Qui nasce anche il Trentodoc che esprime l’essenza delle bollicine di montagna, prodotte esclusivamente con Metodo Classico da sole uve trentine.

Ferrari Trento
Ferrari Trento
Ferrari Trento
Ferrari Trento
Hofstatter
Hofstatter

Cantina Hofstatter

Siamo a Termeno, lungo la strada del vino. Cantina a conduzione familiare conosciuta soprattutto per il suo ottimo Gewurtraminer, pensate solo a nomi come il fruttato Kolbenhof e Joseph, ma straordinaria anche nei rossi come il Pinot nero e il Lagrein. Nel centro del paese si trova l’enoteca-ristorante dove assaggiare, oltre i vini, anche squisiti piatti altoatesini e dove fare un giro nel giardino con i vigneti di Gewurztraminer.

Hofstatter
Hofstatter
Balter
Balter

Cantina Balter

Cambiamo zona e andiamo in provincia di Trento, a Rovereto. Alla cantina Balter ci ha accolti il gentilissimo Nicola. Un panorama mozzafiato rende questa cantina un luogo magico. Qui si produce Trento Doc. “Il tutto avviene sul colle sovrastante la città, a 350 metri di altitudine dove le condizioni climatiche caratterizzate da escursioni termiche giornaliere, dal godimento del sole dal mattino fino al tramonto grazie all’esposizione a sud dei vigenti e infine dal soffio dell’Ora del Garda, vento pomeridiano che risale puntualmente tutti i pomeriggi la Vallagarina, fanno si che le uve possano esprimersi al meglio in eleganti vini e Trentodoc.

Balter
Balter
Haderburg
Haderburg

Cantina Haderburg

Tra Trento e Bolzano, più precisamente a Salorno, ha sede l’azienda agricola Haderburg. La vista mozzafiato che si può ammirare vale decisamente il viaggio. Cantina a conduzione familiare le cui vigne crescono rigogliose baciate dal sole e rivolte a sudovest. Nella loro gamma si trovano il Brut, il Pas Dosè il Rosè e la Riserva.

Cantina Tramin

Siamo a Termeno, lungo la strada del vino. Qui si produce uno dei Gewurztraminer migliori. La cantina Tramin coltiva le uve migliori con tecnologie avanzate. Il risultato sono vini delicati che non vi lasceranno indifferenti all’olfatto. Ne è simbolo l’eleganza e gli incomparabili profumi di Nussbaumer che trasmettono l’esperienza e la cultura contadina locale legata alle montagne, alla natura e ai suoi ritmi.

Termeno

 

 

 

 

 

…Buon viaggio in Trentino Alto Adige!

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

chiaradalben
La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.